“Quello che è mio è tuo”: un libro sulle nuove tipologie di consumo

“Sono molto ormai gli studiosi e sociologi che hanno dimostrato come ad una crescita della ricchezza molto spesso non corrisponde una crescita della felicità pecepita degli individui e quindi se è vero che la povertà è associata alla tristezza  non sempre al ricchezza è associata da una condizione di felicità. La crisi degli ultimi anni ha influito sui consumi della quasi totalità degli individui” afferma  Daniela Ostidich, sociologa dei consumi e autrice del bel libro ” Quello che è mio è tuo”.

Quello-che-mio

Il libro si pone come riflessione sulle nuove tipologie di consumo che si stanno affermando anche a seguito della crisi economica in atto. La relazione e la condivisione, stanno divenendo sempre più i valori attorno al quale vertono i consumi.

L’epoca del consumismo è sul viale del tramonto. le persone si trovanoa  dover fare i conti con budget di spesa diminuiti e una preoccupazione crescente rispetto alla stabilità del redditi futuri, Ma non si tratta solo di questo: in effetti il mondo della merce non risplende più.

Alter attese a altri desideri stanno emergendo al loro posto: in tempi di incertezza il gruppo costituisce sicurezza e tornano ad esseere importanti valori quali la collettività, le relazioni, la condivisione.

Non si tratta di un ripiego, nè dell’ennesima strategia di marketing cfestivo bensì un processo spontaneo che nasce dal basso, dalla volontà e dalla possibilità di fare rete, di rafforzare e ampliare il sistema delle relazioni, di individuare obiettivi condivisi e consivisibili, di operare insieme – oltre l’economia istituzionale – per raggiungerli.

Tutto ciò è reso possibile dalle nuove possibilità di coordinamento e mobilitazione offerte dalla rete e dai social network.

Capire le direzioni del nuovo consumo e le modalità in cui si realizzano permette ad aziende e consumatori di tracciare un quadro più chiaro delle sfide di domani.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benvenuto! Non dimenticare di iscriverti alla Newsletter cliccandoQUI
+